Giornata mondiale della meteorologia

Più caldo, più secco, più umido … quali prospettive per il futuro

giornata-mondiale-climaOggi si celebra la giornata mondiale della meteorologia, ma quest’anno più che mai, l’attenzione e le preoccupazioni sono poste verso un trend climatico che non solo non sembra arrestarsi, ma che sta prendendo un accelerazione tale da essere fuori ogni previsione fatta negli anni precedenti. Si parla in questo caso di un trend climatico mondiale e non solo locale, anche se dobbiamo ammettere che gli effetti del caldo si sono avvertiti anche qui sulle Dolomiti e sull’intero arco Alpino, specie quest’inverno, uno dei più caldi mai registrati. Non vogliamo fare allarmismo, anche perchè c’è poco da fare allo stato attuale, ma per vogliamo farvi prendere coscienza e conoscenza dell’attuale situazione per pensare verso un futuro più consapevole, specie sull’uso di energie sostenibili e meno inquinanti. Questo non solo per il clima, ma anche per la nostra stessa salute. Infatti l’uso di energie rinnvabili potrebbe fare la differenza, almeno è questo quello che sostengono gli scienziati che collaborano con l’Organizzazione Mondiale della Meteorologia (WMO). L’organizzazione mondiale della meteorologia per l’occasione ha aperto una nuova sezione nel loro sito, ove sono esposti le tematiche ed i dati sull’andamento climatico. Il sito è www.wmo.int/worldmetday … ecco cosa dice, per chi non mastica bene l’inglese:

Il 2015 l’anno più caldo di sempre

Il nostro clima sta cambiando. Questo non è solo uno scenario futuro, ma sta accadendo ora. Il clima continuerà a cambiare nel corso dei prossimi decenni. Ognuno degli ultimi decenni si è rilevato notevolmente più caldo di quello precedente. Il periodo 2011-2015 è stato il più caldo mai registrato, e il 2015 – con una spinta in più da un potente El Niño – è stato il più caldo da quando esistono osservazioni meteorologiche ovvero dalla fine del 1800. Ma l’aumento delle temperature raccontano solo una parte della storia. Il cambiamento climatico interrompe il modello naturale delle stagioni, e sta aumentando la frequenza e l’intensità di alcuni eventi meteorologici estremi, come ondate di calore, siccità e forti piogge. Questi cambiamenti in corso, forniscono un assaggio del prossimo futuro che sarà più secco, più caldo e più umido.

clima-caldo

È ancora possibile minimizzare i danni. Nel dicembre 2015 i governi del mondo hanno adottato all’unanimità l’accordo di Parigi, che prevede tagli rapidi e profondi alle emissioni di gas serra. Questo storico accordo impegna tutti i paesi ad intraprendere ambiziosi sforzi per rispondere alla minaccia urgente del cambiamento climatico sulla base delle loro “responsabilità comuni, ma differenziate”. Si affronta anche il sostegno finanziario ai paesi in via di sviluppo, la resilienza del clima e l’adattamento, la perdita economica ed il danneggiamento, il trasferimento tecnologico necessario, lo sviluppo delle capacità e l’educazione, la formazione e la sensibilizzazione della popolazione.

Nel frattempo, i progressi scientifici stanno rendendo possibile produrre informazioni sempre più utili e servizi a supporto della resilienza climatica, dell’adattamento e della mitigazione dei cambiamenti climatici. L’Organizzazione meteorologica mondiale e la rete globale di Meteorologico Nazionale e dei servizi idrologici, hanno un ruolo importante da svolgere nel fornire le osservazioni scientifiche, di ricerca e di servizi climatici operativi che la società avrà bisogno per affrontare il futuro.

Più caldo

Il mondo ha appena avuto il suo anno più caldo, il più caldo periodo di cinque anni ed il decennio più caldo mai registrato e 15 dei 16 anni più caldi mai registrati si sono verificati in questo secolo.

La temperatura superficiale media globale nel 2015 ha distrutto tutti i record precedenti ed è di circa 0,73°C al di sopra della media 1961-1990 di 14,0°C. Per la prima volta, la temperatura ha raggiunto il traguardo di 1°C al di sopra del periodo pre-industriale 1880-1899. Ciò significa che siamo già a metà strada verso il limite di 2°C, sopra la quale la vita sul pianeta diventerà sempre più precaria. Nel 2015 l’aumento a lungo termine delle temperature globali è stato causato principalmente dalle emissioni di gas serra, in combinazione con gli effetti di un potente El Niño. Grandi aree del Sud America, Africa, gran parte dell’Europa, est Eurasia, il Medio Oriente e parte occidentale del Nord America erano particolarmente calde. Record di temperatura continentale sono stati raggiunti in Asia e nel Sud America.
Il 21° secolo ha visto una serie di importanti ondate di calore. Questo include ondate di caldo in India nel 2002 e nel 2003, che ogni hanno ucciso più di 1 000 persone; l’ondata di caldo dell’estate 2003 in Europa, che ha causato più di 66 000 morti e l’ondata di caldo intenso nella Federazione Russa nel mese di luglio / agosto 2010. Il numero di giornate fredde e notti è in calo e il numero di giornate calde e notti è in aumento (guardate per esempio qui sulle Dolomiti anche quest’anno sono mancate gelate intense ed il terreno che solitamente diventa gelato fino ad un metro ed oltre non lo è stato, non solo in fondovalle, ma neanche su quote elevate coma a 2.000 m o oltre). Gli oceani immagazzinano più del 90% dell’energia in eccesso intrappolata dai gas serra e continuerà a riscaldare tutto il secolo. L’Artico si sta riscaldando a circa il doppio della velocità rispetto alla media globale, e questo avrà un impatto duraturo e di vasta portata su altre parti del mondo.

Più secco

Le precipitazioni variano naturalmente di anno in anno e di decennio in decennio, influenzato dalla El Niño-Southern Oscillation (ENSO) e da altri fattori climatici. Oltre alla variabilità naturale del clima, il cambiamento climatico causato dalle emissioni di gas serra avrà un impatto crescente sul ciclo dell’acqua. Secondo il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici, il contrasto delle precipitazioni tra le regioni umide e secche e tra le stagioni umide e secche, aumenterà nel corso del 21 ° secolo. Le zone umide diventeranno più umide e le zone asciutte saranno ancora più secche. L’entità e la velocità di questi cambiamenti dipenderanno dal raggiungimento dell’obiettivo di mantenere l’aumento della temperatura al di sotto dei 2°C.

Se la temperatura aumenterà al di sopra del limite di 2°C significherà più stress idrico. Gli scenari previsti indicano che in un mondo con 4° Celsius più caldo di adesso, circa 1 miliardo di persone che vivono in bacini monsoniche e 500 milioni di persone che vivono nei delta saranno particolarmente vulnerabili. I paesi più poveri saranno le più colpite. L’aumento della popolazione, l’aumento dell’utilizzo di acqua per settori come l’agricoltura e l’inquinamento, aggiungerianno ulteriori sfide alla gestione delle acque, indipendentemente dalla quantità di pioggia. Troppo poche precipitazioni conducono alla siccità e questo colpisce più persone di qualsiasi altro tipo di evento naturale a causa della loro larga scala e della natura di lunga durata.

Nel corso del 21° secolo, la siccità in Africa orientale nel 2004 e nel 2005 ha provocato perdita di vite umane e carenza di cibo. Una siccità nel 2010-11 ha contribuito alla carestia in Somalia, che è stato responsabile di circa 258.000 morti in eccesso. Il periodo 2011-2015, caratterizzato da siccità pluriennali, tra cui Brasile, Sud Stati Uniti d’America (USA) e l’Australia orientale. L’arrivo di El Niño nel 2015 ha portato siccità significativi per molte parti del mondo.

Più umido

Le precipitazioni (pioggia e neve) variano naturalmente di anno in anno e di decennio in decennio e sono influenzati dall’ “El Niño-Southern Oscillation” (ENSO) e altri fattori del clima. Oltre alla variabilità naturale, è probabile che il cambiamento climatico sta influenzando anche la frequenza e l’intensità delle precipitazioni estreme perché l’aria calda può contenere più umidità. Maggiore calore accelera il ciclo dell’acqua, che rischia di portare ad un aumento dell’evaporazione e più precipitazioni più pesanti. Le precipitazioni più intense durante le tempeste rappresentano un rischio in particolare per le regioni costiere. Il cambiamenti nel ciclo dell’acqua non sarà uniforme. Il contrasto delle precipitazioni tra le regioni umide e secche e tra le stagioni umide e secche aumenterà nel corso del 21° secolo, anche se ci possono essere eccezioni regionali, secondo un gruppo di esperti sui cambiamenti climatici.

Un sondaggio WMO nel 2010 ha rilevato che il maggior numero di record nazionali per 24 ore di precipitazioni estreme si è verificato negli ultimi due decenni – 1991-2010. Le inondazioni sono state l’evento estremo più frequente. Inondazioni in Pakistan hanno ucciso più di 2.000 persone e colpite 20 milioni nel 2010, l’anno record più piovoso di sempre. Nel sud-est asiatico le alluvioni del 2011 hanno causato perdite economiche di oltre US $ 40 miliardi di dollari, per lo più in Thailandia, e sono stati responsabili di oltre 800 morti. Un alluvione lampo nel sud del Brasile nel gennaio 2011 ha sostenuto più di 900 vite. Inondazioni e frane in Uttarakhand, India settentrionale, a giugno 2013 ha lasciato più di 5.800 morti e dispersi. Inondazioni in Europa centrale, in maggio e giugno 2013 hanno causato perdite economiche di oltre US $ 20 miliardi. Il tifone Haiyan ha colpito le Filippine, l’8 novembre. Ha ucciso almeno 6.300 persone. Inondazioni estesa nel bacino del fiume Paraná, nel centro di Sud America nel mese di giugno e luglio 2014 risente più di 700 000 persone in Paraguay, Brasile occidentale e nord dell’Argentina. Inondazioni distruttive si sono verificate in molte parti del mondo nel 2015, causando grandi perdite sia in vite e sia in perdite economiche pesanti.

Affrontare il futuro

Per fortuna, i governi del mondo sono ora pienamente convinti delle prove scientifiche del cambiamento climatico e la necessità di intervenire con urgenza. Sono necessarie ulteriori ricerche ed investimenti per promuovere tecnologie a basse emissioni di carbonio, in particolare nel settore energetico. Ma già molte politiche, tecnologie e azioni sono disponibili, e la loro distribuzione deve essere avviata. I singoli cittadini, leader di comunità, imprese, organizzazioni della società civile, i governi e il sistema delle Nazioni Unite devono tutti contribuire.
La scienza continuerà a svolgere un ruolo fondamentale. Una continua osservazione scientifica del sistema climatico renderà possibile monitorare i progressi nella riduzione delle emissioni di gas serra che intrappolano il calore. Una migliore ricerca scientifica porterà anche ad una migliore comprensione dei cambiamenti climatici a livello nazionale e regionale, dei suoi impatti e di quali potranno essere le soluzioni per l’adattamento. La scienza aiuterà anche a individuare soluzioni pratiche per ridurre le emissioni di gas serra verso un futuro più verde.

L’Organizzazione meteorologica mondiale è impegnata a contribuire a tali sforzi. WMO è anche il principale partner della “Global Climate Observing System ” e il programma di ricerca mondiale sul clima. WMO prevede di sviluppare un sistema di monitoraggio dei gas serra per informare i governi sui progressi nella riduzione delle emissioni di gas serra.

Il mondo Meteorologico Nazionale e servizi idrologici ed i loro partner stanno anche collaborando attraverso WMO per l’attuazione del quadro globale per i servizi climatici. I servizi climatici traducono le conoscenze scientifiche in azioni concrete per la resilienza climatica, l’adattamento e la mitigazione del clima e lo sviluppo sostenibile. Poiché il cambiamento climatico rappresenta una sfida fondamentale per l’umanità, questo è integrato in obiettivi di sviluppo sostenibile nelle Nazioni Unite che guideranno l’agenda globale fino l’anno 2030. Agendo sulla base delle migliori conoscenze scientifiche disponibili, e attingendo alle crescenti riserve di volontà politica e il sostegno pubblico, la comunità internazionale può avere successo nella costruzione di un mondo sostenibile per l’ambiente ed economicamente prospero.

Fonte articolo copyright e dati WMOWMO

About the Author

Leave a Reply

*

uno × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.