Sole, caldo e instabilità in un contesto estivo

Negli ultimi mesi il tempo in Val di Fassa, nelle Dolomiti e in generale sul Nord Italia è stato piuttosto monotono con giornate spesso soleggiate, temperature abbondantemente sopra la norma e precipitazioni molto scarse.
Ora, con l’inizio dell’estate che quest’anno è partita forte già prima della metà di maggio, il ciclo diurno si fa più vivace e, di conseguenza, aumentano le chance per temporali e piogge. I panorami in quota, anche oltre i 3000 metri, sono degni del periodo di luglio e non di una fine primavera/inizio estate.

Venendo al tempo atteso per i prossimi giorni, entriamo in una fase un po’ più instabile seppur senza un vero peggioramento del tempo significativo.
Oggi è previsto nel corso del pomeriggio lo sviluppo di temporali sparsi localmente di forte intensità che andranno ad esaurirsi entro la notte su sabato. Domani, sabato 4 giugno, bel tempo con attività cumuliforme modesta probabilmente senza fenomeni annessi; farà piuttosto caldo con punte di oltre 25/27 gradi in fondovalle. Lo zero termico supererà quota 4000 metri.
Anche domenica fino a circa metà pomeriggio bel tempo soleggiato e molto caldo per il periodo mentre in seguito, come prevede anche Arabba meteo, possibile sviluppo di temporali localmente intensi. 

La giornata di lunedì 6 giugno vedrà nella notte alcuni temporali seguiti da una fase anche soleggiata fino al primo/metà pomeriggio quando torneranno a svilupparsi temporali e rovesci localmente di forte intensità sulla Val di Fassa e in generale sulle Dolomiti.
Martedì 7 giugno giornata instabile/perturbata con rovesci e temporali localmente di forte intensità alternati a pause asciutte con locali schiarite. Temperature in lieve calo seppur sempre su valori ben al di sopra della media. Ci teniamo a sottolineare come anche durante questa fase instabile farà molta fatica a nevicare a oltre 3000/3300 metri. Unica chance di qualche nevicata sarà nella serata di lunedì e nella giornata di martedì perché nei giorni precedenti sarà troppo caldo per poter permettere nevicate a quote sotto i 3300/3400 metri.
Con temporali localmente intensi si intende che i temporali potranno essere accompagnati da forti raffiche di vento, nubifragi anche persistenti e locali grandinate generalmente di piccole dimensioni.

Nelle giornate successive è prevista una nuova rimonta dell’alta pressione con tempo spesso soleggiato e limitato ciclo diurno, più accentuato verso il 12/14 giugno (si tratta di una tendenza) e temperature sempre sopra la media di almeno 5 gradi, a tratti anche 7/8 gradi.

L’immagine della copertina è il ghiacciaio della Marmolada da Porta Vescovo il 27 maggio. Potete notare come si veda già il fronte del ghiacciaio senza neve e con ghiaccio vivo allo scoperto. Questo dimostra come l’autunno, l’inverno e la primavera siano stati molto avari in termini di precipitazioni e come, allo stesso tempo, sia stato molto mite l’ultimo periodo tanto da aver già sciolto la poca neve caduta.

About the Author

Leave a Reply

*

14 − cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.